Navigazione veloce

Incontro con l’autore Daniele Mencarelli

Il 31 gennaio, diverse classi dell’Istituto San Giovanni Bosco hanno avuto l’occasione di incontrare dal vivo Daniele Mencarelli, autore del romanzo “La casa degli sguardi” edito da Mondadori, e confrontarsi direttamente con lui sulla sua opera e sulle tematiche assai sensibili che essa affronta. Continua a leggere Incontro con l’autore Daniele Mencarelli

Il 31 gennaio, diverse classi dell’Istituto San Giovanni Bosco hanno avuto l’occasione di incontrare dal vivo Daniele Mencarelli, autore del romanzo “La casa degli sguardi” edito da Mondadori, e confrontarsi direttamente con lui sulla sua opera e sulle tematiche assai sensibili che essa affronta.

incontroL’incontro ha costituito l’ultima parte del progetto portato avanti dalle professoresse Morandi e Zambon, entrambe docenti di Lettere dell’istituto, che è iniziato con la lettura del romanzo da parte degli alunni. 

Il lavoro su “La casa degli sguardi” ha permesso ai ragazzi di entrare in contatto con una personalità non comune, obbligandoli a scavare ed affrontare faccia a faccia le loro emozioni più profonde ed anche le loro “fragilità”.

Un racconto autobiografico, la storia della sua “rinascita”, della sua presa di posizione in una vita che a volte sembra non avere un senso e ci colpisce per la carica di dolore che ogni cosa porta con sé: un racconto che ha lasciato dei segni; perché, come ha spiegato proprio Mencarelli, è appunto l’età adolescenziale quella più dura, quella in cui il peso del “disagio” si fa sentire con più prepotenza. 

Paradossalmente, però, il messaggio che il libro contiene è pieno di speranza, perché quel disagio “è sia maledizione che ricchezza”: è quel qualcosa che dona alla vita drammaticità e profondità, che rendono più vulnerabili e fragili, ma, se imparate a controllare, non possono che rendere la nostra esistenza ancora più intensa.

Si è trattato di un incontro faccia a faccia, o – poeticamente parlando – cuore a cuore, durante il quale i ragazzi non solo hanno posto delle domande all’autore, ma hanno avuto soprattutto la possibilità di riflettere su loro stessi.  

Le domande che sono state poste dagli alunni, nonostante un iniziale momento di imbarazzo, sono state la dimostrazione di quanto questo tema risulti a loro molto vicino e sentito.

Sono venute fuori, così, le diverse fragilità e i dubbi – esternati talvolta riprendendo direttamente passi del libro – accolti con gratitudine da Mencarelli, il quale non ha esitato a rispondere o a dare dei consigli, non nascondendosi mai e mai allontanandosi dalla sua storia. 

Un incontro toccante, che ha aperto nuove sfide e domande, che non è risultato indifferente anche grazie alla personalità di Daniele, che non ha minimizzato le difficoltà adolescenziali ma anzi, partendo dalla sua esperienza personale, le ha comprese ed esaltate nella sua scrittura e nel dialogo che da essa si è generato.

Infine, durante l’incontro, non sono mancati i momenti di leggerezza scaturiti dal carattere dello scrittore, diretto ed alla mano, proprio come un “vero adolescente”.

 

Piera Barbato e Sabrina Boschi, IV BL



  • Condividi questo post su Facebook

Non è possibile inserire commenti.