Navigazione veloce

Come collegarsi in videoconferenza con un gruppo di studenti con Zoom

CREARE UN ACCOUNT ED AVVIARE UN MEETING

Zoom (https://zoom.us/) è un’ottima applicazione, gratuita nella sua versione di base, per creare meeting e videoconferenze con un gruppo di utenti.

Con Zoom è possibile creare un meeting ed invitare altre persone a partecipare. Può essere molto utile per vedersi in diretta con un gruppo classe. Nella sua versione gratuita c’è un limite di 40 minuti per ogni meeting, ma direi che è un lasso di tempo più che adeguato.

Per usare Zoom è necessario per prima cosa collegarsi al sito https://zoom.us/ ed eseguire l’iscrizione.
zoom

Una volta completata la procedura di registrazione del proprio account, sarà possibile creare un meeting ed invitare altri utenti. Tutto ciò che vi serve è il vostro codice (Personal Meeting ID), che potete recuperare dalla schermata del vostro account, cliccando su “MY ACCOUNT”.
zoom

Per iniziare un meeting cliccate su “Join a meeting” ed inserite il vostro codice (Personal Meeting ID) nel campo di testo.
zoom

Attivate il microfono del vostro computer.
zoom

A questo punto il meeting è pronto per iniziare. Potete invitare persone in vario modo, ma il metodo forse più facile è quello di copiare il link creato dell’applicazione (Invitation URL) e farlo avere agli utenti. Basterà che la persona che avete invitato clicchi sul link e sarà automaticamente ammesso nel vostro meeting. Se volete attivare anche la webcam per farvi vedere dalle persone cliccate in basso a sinistra su “Start video”

5

Il risultato (non entusiasmante in questo caso)  è qualcosa del genere. In alto potete vedere (ed all’occorrenza ingrandire) l’immagine video dei partecipanti ed oltre a vedersi e sentirsi, è possibile usare una chat per scrivere messaggi.
zoom

I comandi alla base della finestra permettono inoltre varie altre operazioni.
Con “Share screen” potete condividere con i partecipanti una finestra del vostro computer. Ad esempio potrebbe essere una presentazione, un video o un documento che i partecipanti potranno vedere mentre vi sentono parlare.
L’applicazione mette a disposizione anche una lavagna virtuale su cui potete scrivere o disegnare. Zoom consente anche di registrare (“record”) la videoconferenza per utilizzarla in seguito come una video lezione. Se vi collegate con i vostri studenti penso però che sarebbe bene evitare una cosa del genere.
zoom

COME ACCETTARE UN INVITO PER LA PRIMA VOLTA

La persona che ha organizzato il meeting vi invierà un link su cui voi dovrete cliccare. Se non avete mai usato Zoom, il vostro computer (o il vostro telefono) dovrà installare l’applicazione. La cosa avviene in modo automatico.
Cliccate sul link inviato

01

Vi verrà chiesto di installare l’applicazione, questo passaggio lo dovrete ovviamente fare solo la prima volta. Scaricate il file d’installazione.

02

Quindi fate un doppio click sul file che avrete scaricato. In questo modo si avvierà la procedura d’installazione. Scordatevi il libero arbitrio, dichiaratevi sempre d’accordo con quello che il computer vi propone ed andate avanti.
03
Una volta terminata l’installazione, Zoom si avvierà da solo e vi verrà chiesto di inserire il vostro nome. Il nome che inserite sarà quello con cui vi vedono gli altri partecipanti al meeting. Alla fine cliccate su Join Meeting ed iniziate il collegamento. Se il meeting ospita molte persone disattivate il vostro microfono dopo essere entrati ed attivatelo solo se volete parlare. Potete anche naturalmente decidere se attivare la vostra webcam o meno.
05

COME PROGRAMMARE UN MEETING SETTIMANALE CON UN INDIRIZZO TEMPORANEO

La funzione “Schedule a meeting” consente di programmare un incontro, senza usare il nostro ID personale e dargli anche all’occorrenza una cadenza settimanale.
Per prima cosa cliccate su SCHEDULE A MEETING dalla vostra pagina MY ACCOUNT, quindi assegnate un nome all’incontro, assieme alla data e all’ora in cui avvierete il meeting. L’ora di avvio è solo indicativa, sarete comunque voi ad avviare il meeting nel momento che vorrete. La durata è naturalmente limitata ai 40 minuti della versione di base.
01

 

Potete poi anche decidere la cadenza settimanale “Recurring meeting“, cioè in quale o quali giorni della settimana il meeting si ripete.
Potete inoltre impostare una password di accesso, anche se, nel caso dei nostri studenti, mi sembra una complicazione inutile.
02

 

Cosa molto importante, alla voce “Meeting ID“, scegliete di generare un codice automaticamente. Zoom genererà un codice temporaneo diverso dal vostro. Ad esempio potreste generare un codice diverso per ogni classe, in modo da impedire la partecipazione di studenti o persone esterne, Naturalmente questo non risolve del tutto i problemi di sicurezza, perché anche questo ID potrebbe poi finire nelle mani di estranei, ma voi potrete sempre all’occorrenza eliminarlo e iniziare un meeting con un codice diverso se riterrete di aver avuto problemi di intromissioni, ed in ogni caso non sarà il vostro codice personale.
03a

 

Prima di salvare il vostro meeting programmato, definite le ultime impostazioni e cliccate su “save”
save

 

Nella pagina di riepilogo che si apre cliccando sul meeting programmato, è possibile vedere e copiare il link associato a quel meeting e che dovrà essere usato per invitare i partecipanti.
url

 

ALTRE IMPOSTAZIONI DI SICUREZZA UTILI

Cliccate su “Manage Partecipants“. Nel menù che si attiva a sinistra potete scegliere se attivare “Play Enter/Exit Chime“, questo genererà un suono ogni volta che qualcuno entra od esce dal meeting, rendendo quindi più facile individuare eventuali intrusi.
La funzione “Lock Meeting” impedisce l’accesso ad altri partecipanti una volta che il meeting è avviato, il rischio è però quello di chiudere fuori eventuali ritardatari.
utenti

Cliccando invece sulla freccetta accanto a “Share Screen” e quindi su “Advanced Sharing Options
share

 

sarà possibile, impostando la condivisione su “Only Host“, impedire all’occorrenza che gli studenti possano condividere i materiali presenti sui loro dispositivi con i partecipanti al meeting.
share

 



  • Condividi questo post su Facebook

Non è possibile inserire commenti.